martedì 29 Novembre 2022
HomeCronacaSomma. La zeppola è servita, anzi no, sequestrate dai Nas

Somma. La zeppola è servita, anzi no, sequestrate dai Nas

SOMMA VESUVIANA. Zeppole di San Giuseppe, erano pronte per celebrare la Festa del papà, domenica 19 marzo, insieme ad altri dolci ma il blitz dei Nas ha fermato tutto: sequestrati decine di chili di dolciumi.

E’ successo in una pasticceria sommese, in via Spirito Santo. Il controllo – particolarmente intensificato nei periodi nei quali ricorrono festività, proprio in vista di un massiccio aumento della produzione che talvolta si traduce in una scarsa cura degli ingredienti di cui è sconosciuta la provenienza – da parte dei carabinieri del Nas (Nucleo antisofisticazione), di Napoli al fine di garantire che sulle tavole dei consumatori arrivino alimenti – in questo caso dolciumi – garantiti dai singoli ingredienti al prodotto finito. Tracciabilità, dunque, che talvolta viene trascurata da parte degli imprenditori.

Dolci privi della necessaria “tracciabilità” alimentare sono stati trovati in una pasticceria di Somma Vesuviana. Al controllo nel laboratorio di produzione, i militari del Nas hanno accertato che circa 150 chili di prodotti di pasticceria – piccola pasticceria, pasta di mandorle, zeppole e biscotti – fossero “privi di qualsivoglia indicazione utile a garantirne la loro rintracciabilità”. La mancanza della documentazione si è convertita nel sequestro di 150 chili di dolciumi.

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti