lunedì 24 Gennaio 2022
HomeAttualitàTerra dei fuochi, finanziato il progetto di San Giuseppe Vesuviano, Palma e...

Terra dei fuochi, finanziato il progetto di San Giuseppe Vesuviano, Palma e Somma

SOMMA VESUVIANA. Quasi 600mila euro per i progetti per la tutela dell’ambiente nell’ambito dei finanziamenti per la terra dei fuochi stanziati dalla Regione.

Si tratta di 598.400mila euro con cui viene finanziato il progetto di investimento per attività di controllo e tutela ambientale presentato dai comuni di San Giuseppe Vesuviano, Palma Campania, Somma Vesuviana e Striano in seguito all’approvazione del “Patto per la terra dei fuochi”. Grande soddisfazione per il conseguimento dell’obiettivo è stata espressa dall’Assessore al Governo del territorio, l’ingegnere Luigi Miranda: “Voglio fare un ringraziamento speciale all’Ufficio ambiente per l’ottimo lavoro svolto. Questo ennesimo finanziamento ottenuto rappresenta il giusto riconoscimento per il grande impegno profuso dalla nostra amministrazione in campo ambientale”

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti