martedì 5 Marzo 2024
HomePoliticaTerra dei Fuochi. "Perchè il sindaco Abete ha cambiato idea?"

Terra dei Fuochi. “Perchè il sindaco Abete ha cambiato idea?”

Sant’Anastasia, Terra dei Fuochi?

Sant’Anastasia. Dal già vicepresidente del Forum dei Giovani di Sant’Anastasia., Luigi D’Avino, riceviamo una lettera sulla Terra dei Fuochi che di seguito pubblichiamo.

A seguito della decisione del Consiglio Comunale di non aderire al Patto Terra dei Fuochi mi preme raccontare un episodio avvenuto durante l’amministrazione Esposito.
Nell’Ottobre 2013 l’attuale Sindaco Lello Abete, allora Presidente del Consiglio Comunale, partecipò ad un Consiglio Direttivo del Forum dei Giovani con l’assessore Ciro Castaldo, il consigliere Francesco Saverio Ceriello e padre Gianbattista Buonamano. Vennero al consiglio per sottoporci la realizzazione di un convegno sulla Terra dei Fuochi, con ospite-relatore Don Maurizio Patriciello, e, durante la seduta del Consiglio, Lello Abete disse che avrebbe inserito nel successivo Consiglio Comunale un punto all’ordine del giorno proprio sulla Terra dei Fuochi.
Immediatamente dopo la fine del Consiglio Direttivo del Forum (all’epoca ero vicepresidente dello stesso) incontrai il Sindaco Carmine Esposito, il quale, dopo aver ascoltato la proposta del Presidente del Consiglio Comunale Lello Abete, la bocciò categoricamente asserendo, anche con toni accesi, che Sant’Anastasia non faceva parte della Terra dei Fuochi e non bisognava creare inutili e falsi allarmismi.
Come si può immaginare al Consiglio Direttivo del Forum non venne più nessun componente della Giunta né della maggioranza a portare avanti questo progetto e del convegno non se ne fece più nulla.
Ora mi chiedo: perché il Sindaco Lello Abete non porta avanti la sua idea iniziale? Da chi è condizionato?

Luigi D’Avino

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche