venerdì 7 Maggio 2021
HomePoliticaTerra dei fuochi, Volla tra i 31 nuovi Comuni aggiunti al Protocollo...

Terra dei fuochi, Volla tra i 31 nuovi Comuni aggiunti al Protocollo ministeriale

VOLLA. Protocollo d’intesa Patto per la Terra dei Fuochi, è ufficiale, il Comune di Volla è tra i 31 nuovi Comuni che sono stati aggiunti dal decreto ministeriale.

Il Sindaco del Comune di Volla, Angelo Guadagno, esprime piena soddisfazione per la proposta avanzata dalla Regione Campania al Governo, d’intesa coi ministeri all’Ambiente e alla Salute, in base a quanto disposto dal decreto legge concernente la “Terra dei Fuochi” del quale 31 nuovi Comuni saranno aggiunti ai 57 già inizialmente previsti. Grazie alla norma, ottenuta mediante un lavoro sinergico tra forze parlamentari trasversali, anche in queste nuove aree ci saranno indagini per la mappatura dei terreni, controlli serrati sulla qualità dei prodotti, screening gratuiti per la popolazione residente ed una serie di agevolazioni per gli Enti locali che intendono adottare una pluralità di misure tese alla salvaguardia dell’ambiente e della salute dei cittadini. Volla è tra i 31 nuovi Comuni insieme ad Arzano, Boscoreale, Brusciano, Camposano, Carbonara di Nola, Cardito, Cicciano, Cimitile, Comiziano, Grumo Nevano, Liveri, Massa di Somma, Ottaviano, Poggiomarino, Pozzuoli, Quarto, San Gennaro Vesuviano, San Paolo Belsito, San Vitaliano, Tufino, Visciano, Capodrise, Capua, Recale, San Felice a Cancello, San Marco Evangelista, San Nicola la Strada, San Tammaro, Santa Maria Capua Vetere, Santa Maria la Fossa.

Afferma il Sindaco Guadagno: “Le pressanti richieste avanzate alla Prefettura presso la quale la mia Amministrazione – come del resto tutte le altre – ha trovato da sempre un punto di riferimento validissimo nel prefetto Cafagna, non sono risultate vane ed inutili. Tra i vantaggi che saranno direttamente tangibili da parte dei cittadini c’è il diritto all’esclusione dal calcolo complessivo della percentuale della raccolta dei rifiuti solidi urbani di quel materiale abusivamente sversato o smaltito per combustione in diversi punti della città, ivi comprese le zone rurali e le arterie periferiche a scorrimento veloce”.
L’ingresso a pieno titolo nel protocollo della “Terra dei Fuochi” darà un impulso maggiore all’impegno dell’Amministrazione comunale a ridurre i fenomeni di combustione di rifiuti e sversamento illegittimo di materiale pericoloso.
La notizia che la Regione Campania stanzierà ai Comuni altri 2 milioni oltre ai 5 già disposti per il contrasto ai roghi tossici – dice il Sindaco Guadagno – ci sprona a fare ancora di più e meglio nella consapevolezza di poter finalmente usufruire di forme di finanziamento straordinario per fronteggiare con la massima risolutezza eventi e situazioni che di ordinario dovrebbero avere poco o nulla”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti