lunedì 20 Maggio 2024
HomeCronacaTruffe alle assicurazioni, prosciolto il consigliere Giovanni Bianco

Truffe alle assicurazioni, prosciolto il consigliere Giovanni Bianco

SOMMA VESUVIANA. Per due anni e mezzo ha atteso che l’incubo in cui era caduto finisse, la giustizia ora gli hanno dato ragione ed è stato prosciolto “perché il fatto non sussiste”. Si tratta del consigliere comunale di Somma Vesuviana Giovanni Bianco, 45 anni, esponente dell’Aurora che era finito nell’inchiesta “Jordanus” con altri 400 indagati (molti dei quali nel frattempo sono diventati imputati).

In questi due anni Bianco non ha preso bene il procedimento giudiziario, ha cercato in più modi di intimorire la Stampa per evitare che la sua posizione venisse raccontata, oggi come allora invece siamo qui a scrivere la verità giudiziaria.
Nel novembre 2013 era stato proprio un sommese a coinvolgere Bianco nell’inchiesta, oggi possiamo scrivere della sentenza del Gup del tribunale di Nola, Martino Aurigemma che ha deciso che il politico-avvocato non ha commesso nessun reato e non dovrà subire alcun processo.

A fare riferimento a Giovanni Bianco era stato un medico sommese (prosciolto in questo troncone dell’inchiesta Jordanus, ma coinvolto nel resto del processo): Cesare Di Palma. Nel suo studio i carabinieri e i finanziari delle Compagnie di Nola sequestrarono allora numerosi atti e le sue dichiarazioni diedero “importanti indicazioni”, riguardo gli altri nominativi e sigle emerse dalla copiosa documentazione in suo possesso. Documentazione da cui emerse che il gruppo scoperto dagli inquirenti non solo procurava certificazioni e referti ospedalieri falsi per le pratiche trattate dagli studi legali facenti parte da quella che gli inquirenti considerato l’associazione a delinquere finalizzata alla truffa, ma anche ad avvocati esterni che però avevano le medesime necessità. Quest’ultimo pare essere il caso del consigliere dell’Aurora. “Gli stessi “ordinativi” rinvenuti nella disponibilità del medico sommese”, scrisse allora il Gip nell’ordinanza, “riportavano le sigle degli avvocati richiedenti o di altri faccendieri che evidentemente operavano per altri studi”. Ed in particolare su questi nomi venne ascoltato Di Palma che in un interrogatorio spiegò: “Giovanni Bianco è un avvocato di Somma Vesuviana, anch’egli rifornito di certificazioni mediche ed ecografie false nel corso del tempo” e poi aggiunge in un altro punto della vasta ordinanza: “Per quanto riguarda Giovanni Bianco posso dire che è un avvocato di Somma Vesuviana e la lista che mi avete mostrato sono tutti accompagnamenti medico-legali che ho fatto per lui e che deve ancora pagarmi. Anche a lui ho fornito false certificazioni e ecografie false nel corso del tempo”.
Ecco per il giudice queste dichiarazioni non hanno avuto fondamento e la vicenda processuale si chiude definitivamente.

I COMMENTI
L’ex vicesindaco Gaetano Di Matteo, così scrive sul suo profilo Facebook:
“Oggi, nonostante la giornata plumbea, sono molto felice per un amico, il consigliere comunale sommese Giovanni Bianco, finito ingiustamente qualche mese fa nell’orripilante tritacarne della macchina del fango cittadina, ed assolto nell’ambito dell’ inchiesta “Jordanus” . Prima o poi le verità vengono sempre a galla. Sempre”.

Il presidente della commissione Trasparenza, il consigliere Pd Crescenzo De Falco ugualmente soddisfatto:
“Saluto con gioia questa sentenza che conferma principi di etica e correttezza che non avevo mai messo in dubbio sull’amico e collega Giovanni Bianco. Mi fa piacere che la Giustizia ha ristabilito chiarezza su una situazione equivoca che si era creata su questa persona che era, e resta, un ottimo avvocato e un amico. La cui famiglia si è sempre distinta per aver sempre dato un contributo al proprio paese”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Dal 2017 è componente della Commissione Pari Opportunità dell'Ordine dei Giornalisti della Campania Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna". Nel 2022 Premio di giornalismo “Francesco Landolfo”

Articoli recenti

Rubriche