mercoledì 21 Aprile 2021
HomePoliticaUcciso dalla camorra, una targa e una fiaccolata per Salvatore Barbaro

Ucciso dalla camorra, una targa e una fiaccolata per Salvatore Barbaro

ERCOLANO. Ucciso dalla camorra. Una targa e una fiaccolata per ricordare Salvatore Barbaro, vittima innocente della camorra. Buonajuto: «Siamo vicini alla famiglia e contro ogni forma di criminalità».

Sabato 5 marzo alle ore 18 in via Mare l’Amministrazione Comunale di Ercolano scoprirà una targa posizionata nel luogo dell’assassinio di Salvatore Barbaro, il 29enne ucciso nel 2009 per essere stato scambiato per un boss della camorra. Solo pochi giorni fa, grazie alle indagini condotte dai Carabinieri, è stato possibile accertare il drammatico scambio di persona costato la vita al ragazzo.

Dopo la posa della targa, partirà da via Mare una fiaccolata che porterà alla Parrocchia di Santa Maria della Consolazione in corso Resina dove sarà celebrata una funzione religiosa in memoria di Salvatore Barbaro.

«Ritengo sia doveroso commemorare un ragazzo ed essere vicini a una famiglia che all’epoca dei fatti non ebbe neanche il conforto di un funerale religioso. Invito tutta la cittadinanza a partecipare a questa cerimonia per manifestare vicinanza alla famiglia di una vittima innocente e testimoniare ancora una volta che Ercolano è contro ogni forma di criminalità. Per questo motivo, abbiamo contattato Associazione Antiracket, Radio Siani, Forum dei Giovani e le altre associazioni cittadine per invitarle a dare testimonianza della parte sana della città che si oppone alla barbarie della camorra», così il sindaco di Ercolano Ciro Buonajuto.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti