lunedì 8 Marzo 2021
Home Cultura e Spettacoli “Usolospreco”, progetto contro lo spreco alimentare. Giovedì conferenza stampa

“Usolospreco”, progetto contro lo spreco alimentare. Giovedì conferenza stampa

NAPOLI. Si chiama “Usolospreco” il progetto che mira alla creazione di una rete solidale a sostegno di azioni coordinate di politiche antispreco nato a Napoli.

Si tratta di una iniziativa articolata e complessa che prevede attività di ricerca e la sperimentazione, già nei prossimi mesi, nel centro storico di Napoli e in un quartiere di Reggio Calabria di azioni anti-spreco. Il progetto verrà presentato  il 21 maggio 2015 alle ore 11.00, presso l’ Aula Pagano 1 del Dipartimento di Scienze Politiche, in Via Rodinò, dalle realtà che hanno sottoscritto il protocollo d’intesa:

  • Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università Federico II
  • Fondazione di Comunità del Centro Storico di Napoli
  • GESCO Sociale – Fare piu’
  • QUI Fondation
  • CSV Napoli
  • Fondazione Calabria Etica – misure di contrasto alla segregazione urbano
  • Fondazione Banco di Napoli
  • Consorzio di Cooperative Sociali Proodos;
  • Comunità di S. Egidio;
  • GAL Batir Reggio

Alla conferenza stampa prenderanno parte:

  • Marco Musella, direttore del Dipartimento di Scienze Politiche dell’università “Federico II”
  • Giuseppe De Stefano, presidente del Csv Napoli
  • Daniele Marrama, vicepresidente della Fondazione di Comunità del Centro Storico di Napoli
  • Paolo Arrigoni, presidente di Qui Foundation
  • Sergio DAngelo, direttore di Gesco Sociale Fare Più

Nello specifico, i sottoscrittori del progetto mirano ad incontrarsi almeno una volta ogni sei mesi per definire strategie comuni di lotta allo spreco; costruire un progetto pilota nell’area del Centro Storico di Napoli per verificare un modello di lotta allo spreco che coinvolga un’intera Comunità;  collaborare in attività di ricerca che abbiano per oggetto lo spreco alimentare.

I colleghi giornalisti sono invitati a partecipare

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti