mercoledì 16 Giugno 2021
HomeCronacaViolati i sigilli, i Nas ritornano e sequestrano supermercato e deposito pasticceria

Violati i sigilli, i Nas ritornano e sequestrano supermercato e deposito pasticceria

MARIGLIANO. Violati i sigilli, i Nas ritornano in via Amendola e sequestrano l’intero supermercato, il deposito e le attrezzature della pasticceria “Merenghe AZ”.

Il valore del sequestro è di quelli ingenti: circa 2milioni e 500mila euro quello del supermercato – gestito dalla società “AZ 65 soc. coop.” – mentre il valore del sequestro della attigua pasticceria ammonta a circa 600mila euro per gli immobili e 4mila euro circa per gli alimenti. Ma oltre alla violazione di sigilli all’ultimo controllo sono state riscontrate anche diverse opere abusive nonché prive di certificazioni obbligatorie negli esercizi commerciali.

Un sequestro bis per l’intero gruppo societario: il bar pasticceria e il supermercato – insistenti all’interno di una struttura privata in via G.Amendola – erano già stati oggetto di una verifica dei carabinieri del Nucleo Antisofisticazione di Napoli appena una settimana fa, il 15 giugno. In tale occasione i Nas eseguirono controlli unitamente supportati dal personale della Asl Napoli 3 Sud dove riscontrarono “Assenza delle certificazioni di tracciabilità obbligatorie per legge”, nonché assenza della prevista registrazione sanitaria e dei requisiti minimi igienico sanitari e strutturali per alcuni laboratori della pasticceria. Tali carenze portarono, inoltre, al sequestro di diverse tonnellate di prodotti dolciari. Chiusura amministrativa di tre locali adibiti a deposito alimenti anche al supermercato, privi dei requisiti minimi igienico-sanitari e strutturali, nonché al sequestro amministrativo di 300 chili circa di prosciutti e pancette, alimenti rinvenuti privi di qualsivoglia indicazione utile a garantirne la loro rintracciabilità

Una seconda verifica è stata, dunque, eseguita ieri pomeriggio nei due esercizi commerciali nell’ambito dei servizi rientranti nel programma operativo teso a garantire una “Estate 2016 tranquilla”. I carabinieri del Nas di Napoli, al comando del capitano Gennaro Tiano, coadiuvati dai comandi dell’arma territorialmente presenti, hanno continuato nella loro opera di verifica e controllo di esercizi e aziende che offrono vendita e somministrazione di alimenti e bevande. Al bar pasticceria “Mernghe AZ”, i militari dell’Antisofisticazione unitamente a quello dell’Asl Napoli 3 Sud, a seguito dell’inottemperanza alla sospensione imposta dopo il controllo del 15 giugno scorso, hanno sequestrato un deposito posto su di un’area cortilizia attigua all’attività, con all’interno due celle frigo del tipo prefabbricato e due celle frigo a pozzetto; delle attrezzature (forno, due planetarie ed una impastatrice), insistenti all’interno del laboratorio di produzione attiguo al punto vendita; nonché complessivamente 4 quintali circa di prodotti di pasticceria poiché detenuti in cattivo stato di conservazione e prodotti all’interno del laboratorio, peraltro già oggetto di chiusura, privi dei requisiti minimi obbligatori previsti e immagazzinati all’interno del deposito che, oltre a non riunire i requisiti igienico-strutturali, minimi obbligatori non risultava autorizzato e catastalmente censito.

Nel corso dello stesso controllo sanitario i carabinieri hanno eseguito una ulteriore attività investigativa al supermercato, gestito dalla società “AZ 65 soc. coop.”, tra l’altro già sottoposto a verifica da parte dei Nas il 15 giugno scorso. Qui i carabinieri hanno accertato che alla struttura erano state realizzate diverse opere edilizie in totale assenza di permesso per costruire. Dall’analisi della documentazione, sono state rilevate ulteriori violazioni amministrative ed edilizie, delle quali sono state già informate le autorità competenti – amministrativa e giudiziaria. Nel corso della verifica è stato sottoposto a sequestro il supermercato il cui valore finanziario ammonta a circa 2.500.000,00 euro.  Dell’intera operazione, infine, è stato depositato un fascicolo negli uffici della Procura della repubblica di Nola.

di Patrizia Panico

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti