giovedì 21 Ottobre 2021
HomePoliticaBoscoreale. E' stato adottato il Piano Urbanistico Comunale

Boscoreale. E’ stato adottato il Piano Urbanistico Comunale

BOSCOREALE. E’ stato adottato dalla Giunta comunale il progetto di Puc – Piano Urbanistico Comunale -.

Lo strumento urbanistico, frutto di anni di studio e di attenta analisi del territorio, ha due principali aspirazioni: ridare qualità ambientale, urbana e socio-economica per la popolazione insediata e per ricostruire il senso di unica comunità tra centro e periferie; valorizzare le risorse esistenti, per realizzare premesse indispensabili per sviluppare le attività economiche. Il Puc, che rappresenta una grande opportunità per il rilancio e lo sviluppo della città, si attua attraverso azioni trasformative privilegiate dall’amministrazione comunale per: realizzare nuove centralità nelle periferie attraverso la dotazione di servizi; recuperare e riqualificare i nuclei edificati nelle aree agricole, con la possibilità di ampliare volumi e superfici dedicati all’attività produttiva agricola; rifunzionalizzare gli insediamenti di edilizia residenziale pubblica con attività d’interesse territoriale; riqualificare il centro e il tessuto storico con interventi di riorganizzazione degli spazi aperti a servizio delle attività residenziali, commerciali e artigianali e di razionalizzazione della mobilità e della sosta; incentivare l’insediamento di nuove attività produttive – artigianali, industriali e turistiche- e far crescere quelle esistenti anche attraverso l’ampliamento di volumi e superfici; salvaguardare, mettere in luce e promuovere siti archeologici e risorse ambientali con interventi che ne utilizzino le potenzialità culturali ed economiche; migliorare il patrimonio residenziale privato incentivando gli interventi di riqualificazione, di messa in sicurezza e di adeguamento energetico degli edifici esistenti.

Per comprendere le trasformazioni regolate dal Puc, in un territorio, come quello di Boscoreale, tra i più vincolati al mondo da leggi statali, leggi regionali, piani provinciali e piani paesistici, si può fare riferimento a una semplice prima articolazione di aree: aree intrasformabili e trasformabili. Le aree intrasformabili sono quelle che oltre a essere sottoposte ai vincoli diffusi su tutto il territorio comunale (primo tra tutti quello dell’impossibilità a edificare nuova residenza in base alla Legge 21 della Regione Campania) risultano intrasformabili o pochissimo trasformabili in ragione del combinato disposto delle normative più restrittive sia del Piano Territoriale Provinciale sia del Piano Paesistico. Le aree trasformabili, invece, si differenziano in base a quattro funzioni caratterizzanti: aree di riqualificazione del patrimonio edilizio; aree di nuovo insediamento artigianale, industriale e della logistica; aree di promozione delle attività agricole e turistiche; aree di promozione delle attività agricole, artigianali e industriali.

Il progetto è stato redatto dall’arch. Salvatore Celentano, caposettore urbanistica, con il supporto del Dipartimento  di Pianificazione e Scienze del Territorio dell’Università di Napoli Federico II, diretto da Rocco Papa, con la collaborazione scientifica dei Professori, Lilly Gargiulo, Adriana Galderisi, Giuseppe Mazzeo e  Rosanna La Rocca. “Abbiamo raggiunto un traguardo ambizioso e di significativa portata –spiega il sindaco Giuseppe Balzano-, diretto a un generale rilancio del territorio mediante la risoluzione delle criticità urbanistico-ambientali minuziosamente esaminate, e quindi al connesso avvio di nuovi meccanismi di sviluppo socio-economico. L’adozione del progetto di Puc –aggiunge il Sindaco- era nel nostro programma elettorale e abbiamo mantenuto l’impegno con la città. Il nuovo strumento, oltre a favorire lo sviluppo urbanistico della città, sarà determinante anche per il rilancio economico, sociale e culturale. L’obiettivo è coniugare le molteplici esigenze di crescita di un territorio da troppi anni bloccato”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti