giovedì 21 Ottobre 2021
HomeAttualitàMarigliano. Associazioni e comitato coi cittadini per analizzare il Puc

Marigliano. Associazioni e comitato coi cittadini per analizzare il Puc

MARIGLIANO. Il Puc, piano urbanistico comunale, sta interessando i mariglianesi più di quanto ci si potesse aspettare. In tanti stanno seguendo, sui social e negli appuntamenti organizzati in città, l’evolversi del Piano realizzato dall’attuale amministrazione comunale. In tanti, infatti, erano i mariglianesi presenti all’incontro promosso al convento di San Vito dal Comitato Marigliano Attiva per un Puc sostenibile insieme all’associazione Rinascita Marigliano.
Una platea attenta a seguire gli interventi tecnici, incontro che si è concluso con la disponibilità da parte degli organizzatori a fornire strumenti di supporto gratuiti per eventuali osservazioni che i cittadini potranno proporre entro il 13 gennaio 2017. Presto ci saranno, comunque, nuovi appuntamenti sull’argomento.

“Un comitato cittadino sorto ad hoc il nostro”, spiegano gli organizzatori degli appuntamenti, “in collaborazione con un’associazione già operante sul territorio. Insomma quella cittadinanza attiva che cerca di fare la propria parte, indipendentemente dai partiti, così come dovrebbe essere in ogni comunità civile dove il senso civico fatto di responsabilità e partecipazione fa i conti con le criticità locali e ne rappresenta le istanze. Questo il sentimento che anima le iniziative promosse dal Comitato Marigliano Attiva per un Puc sostenibile insieme a Rinascita Marigliano. Iniziative tese ad informare i cittadini mettendo a disposizione gratuitamente risorse e competenze che consentano di conoscere cosa questo nuovo Puc prevede per il nostro territorio e, quindi, per la nostra vita e quella dei nostri cari. Dopo il primo incontro tenutosi nella frazione di Lausdomini, il secondo appuntamento presso il convento di San Vito con una partecipazione davvero numerosa. Oltre cento i partecipanti sintomo di un effettivo interesse, di una comunità che, per fortuna, ha ancora voglia, nonostante tutto, di capire, interrogare ed interrogarsi, segnale di una speranza a che i cittadini svolgano un ruolo attivo che contribuisca a dare colore ed anima a ciò che, evidentemente, rappresenta una progetto disancorato da ciò che Marigliano è stata ieri, è oggi, e potrebbe diventare domani”.
I tecnici hanno fornito una lettura dettagliata del piano approfondendo problematiche legate al consumo del suolo stante la previsione di quasi 2600 abitazioni non rispondenti al reale fabbisogno abitativo di questa città né a quello previsto nei prossimi dieci anni, per non parlare delle problematiche ambientali relative al nuovo assetto idrografico previsto dal piano che per il Lagno prevede lo stombamento immaginando un naviglio lungo via Isonzo che nei fatti si tradurrà, per ovvie ragioni climatiche, in un canale fangoso con buona pace degli abitanti di quella zona, progettando invece, all’inverso, il tombamento per la Vasca San Sossio. Si approfondiscono, inoltre, le criticità rilevate in merito ad un ingresso autostradale pensato, per giunta, nella zona diametralmente opposta al Pip con inevitabile conseguenza di un enorme incremento del traffico di mezzi pesanti gravando, dunque, non solo sulla viabilità, già notevolmente disagiata, ma anche sull’inquinamento in un territorio già fortemente martoriato. Approfondito, inoltre, l’aspetto urbanistico che evidenzia la totale assenza di una visione d’assieme relativamente alle previste destinazioni d’uso dei vari comparti ed aree edificabili oltre che alla spropositata stima dei volumi edilizi e del fabbisogno abitativo in una città che, al contrario, avrebbe bisogno di valorizzare la propria storia agricola intensificando i servizi e migliorando la viabilità già esistente.
“Il nostro obiettivo e’ quello di fornire ad associazioni e cittadini quella partecipazione alle scelte di piano che l’amministrazione ci ha negato”, spiega Mena Iovine, consigliere comunale a Marigliano, ma intervenuta soprattutto nella sua veste di tecnico, “da questi incontri raccogliamo opinioni e le trasferiamo nelle osservazioni. Tecnici e avvocati aderenti al comitato Marigliano Attiva e all’associazione Rinascita sono pronti ad aiutare gratuitamente i cittadini a presentare le osservazioni al Puc. Invece il mio impegno politico sara’ teso a combattere la realizzazione dei 2500 appartamenti e alla salvaguardia del terreno agricolo”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna".

Articoli recenti