giovedì 6 Ottobre 2022
HomePoliticaCastellammare. Task force contro gli sversamenti illegali

Castellammare. Task force contro gli sversamenti illegali

CASTELLAMMARE DI STABIA. Task force contro gli sversamenti illegali. Mercoledì intervento in via De Gasperi. Nicola Corrado: Operatori  della Eco Ego e uomini della Polizia Ambientale sono a lavoro per stanare, attraverso l’apertura dei sacchetti conferiti in modo anomalo, i responsabili. 10 le sanzioni eseguite nel primo giorno.

Mercoledì gli operatori della ditta Eco Ego, senza alcun costo aggiuntivo per le casse comunali, interverranno per la pulizia del tratto dell’Arenile  nella zona del Palazzo dei Tedeschi. “Un intervento – dichiara l’assessore – che avevamo programmato. Da un anno a questa parte non ci siamo mai fermati come assessorato.  Ho ereditato una situazione pesante , a volte parlando con qualche amico ho detto di essere stato nominato assessore al disastro ambientale . I primi mesi  siamo stati dietro all’emergenza  ma con entusiasmo e buona volontà ci siamo messi a lavoro.  Calendarizzando  un programma di interventi. Perché la politica nelle istituzioni è impegno e programmazione.  Aiuole, verde cittadino, lungomare ma soprattutto i lavori per Rivo San Marco sono solo alcune delle ultime cose. Fin dal nostro insediamento abbiamo scelto l’arenile come luogo del cuore e dell’identità di questa città.  Con sguardo lungo stiamo mettendo a regime tutto ciò che fino ad ora ha avuto il carattere della straordinarietà. La nostra sfida resta  quella di trasformare l’arenile in una realtà economica  a servizio della città. Il riscatto parte da noi. Il riscatto parte da qui. In questi mesi abbiamo vissuto momenti terribili, abbiamo avuto il coraggio di azzerare situazione indecenti come quella della Multiservizi”. In questi giorni è in atto una task force di operatori ecologici e polizia ambientale per combattere gli sversamenti illegali. Mentre è ripresa nella città di Castellammare di Stabia la distribuzione dei sacchetti per la raccolta differenziata , l’assessorato all’Ambiente annuncia il prosieguo della battaglia per far si che la raccolta differenziata diventi un processo naturale di evoluzione culturale della comunità. Qualità del servizio e lotta agli sversamenti selvaggi il binomio portato avanti dall’assessorato all’Ambiente. Nonostante la percentuale del 66,9 per cento di raccolta differenziata raggiunta, Castellammare presenta, ancora , delle situazioni critiche. A soffrire maggiormente sono soprattutto le periferie e il centro antico. Due le novità annunciate dagli uffici di Palazzo Sant’Anna operatori della Eco Ego e uomini della Polizia Ambientale sono a lavoro per stanare, attraverso l’apertura dei sacchetti conferiti in modo anomalo, i responsabili. Armate di guanti le unità operative coinvolte, scavano all’interno delle buste per trovare elementi che permettano di risalire agli autori del misfatto. Nella prima giornata dieci le contravvenzioni elevate tra via Bonito e il Centro Antico. La prossima settimana invece interventi straordinari sono in programma per bonificare gli sversatoi venutisi a creare in via Vecchia Varano al Caporivo e in altre zone periferiche. Un appello a non vanificare l’impegno profuso giunge dall’assessore Corrado che da mesi lavora a rafforzare il significato e il valore di un impegno cittadino sul tema della raccolta rifiuti già premiato dai dati ufficiali che “ci raccontano di una forte volontà di riscatto. Quello del 66,9 per cento è un dato positivo- commenta l’assessore in quota democratici- in questo quadro per il 2014 avremo un risparmio di un milione e duecentomila euro”. La raccolta differenziata premierà dunque in bolletta gli utenti stabiesi che per il prossimo anno potranno usufruire di alcune riduzioni. “A luglio – ricorda l’assessore-  si darà il via all’opera di riqualificazione , rigenerazione e valorizzazione del waterfront,  con l’aiuto dei cittadini potremo  raggiungere l’obiettivo che ci siamo prefissati e incamminarci verso una città turistica”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti