mercoledì 17 Agosto 2022
HomeCronacaColpo grosso al Cash & Carry alla vigilia di Capodanno, merce e...

Colpo grosso al Cash & Carry alla vigilia di Capodanno, merce e soldi

SAN SEBASTIANO AL VESUVIO. Colpo grosso al Cash & Carry, ladri in fuga con quintali di merce tra prosciutti, forme di Parmigiano, vini, spumanti e champagne di lusso. Scassinata anche la cassaforte interna al caveau, era piena di contante: cifre a cinque zeri per un ammontare di centinaia di migliaia di euro. Rubato un furgone della stessa ditta per trasportare la gustosa e costosa, soprattutto, refurtiva enogastronomica. Oltre ai soldi. Tranciate le videocamere che per sicurezza sono state portate via insieme alla merce.

Furto ghiotto di Capodanno. Non c’è che dire si è trattato di colpo studiato a tavolino, fin nei minimi dettagli da una banda ben organizzata anche per quanto riguarda il canale illecito per la vendita sottocosto della merce. Un dato, infatti, è certo: i ladri sapevano dove, come e quando agire. Un colpo alla “Ocean’s eleven”, nota pellicola cinematografica con un cast stellare da George Clooney a Brad Pitt, Matt Damon, Julia Roberts e Andy Garcia. Nel film, dove la banda degli “undici”, appunto, il caveau da svuotare era quello di uno dei maggiori casino di Las Vegas. Nella realtà si è trattato invece del colosso del Cash and Carry del marchio “Ad Hoc”, tra i maggiori fornitori dell’eccellenza enogastronomica partenopea e della provincia di Napoli, canale riservato esclusivamente ai professionisti del settore. Cinque in totale i punti vendita campani del cibo – visto in ogni sua declinazione e dell’hotellerie del marchio stabiese. Nel mirino dei malviventi la scorsa notte è finita la filiale di San Sebastiano al Vesuvio. La sede vesuviana inaugurata qualche Natale fa, si trova lungo il Viale delle Industrie – tra via Figliola e via Tufarelli – zona di periferia immediatamente confinante con il vicino Comune di San Giorgio a Cremano. Il colpo. La banda ha innanzitutto considerato il periodo: festività natalizie con il Capodanno 2015 alle porte. Dunque reparti stracolmi più di ogni altro periodo dell’anno di merce, dai generi alimentari freschi, surgelati e stagionati di ogni genere per non parlare del settore dei vini, liquori e champagne nazionali e d’oltralpe. Quindi anche i 5mila metri quadri del Cash & Carry sansebastianase non era da meno. La data del colpo. Anche quest’ultima non è stata di certo un caso. Nella notte tra domenica e lunedì scorsi. Dopo un fine settimana frenetico che ha visto un andirivieni continuo di grandi fornitori e grossisti, se i reparti dell’azienda erano in parte svuotati al contrario lo era il caveau. Gli incassi, centinaia di migliaia di euro, erano in cassaforte e con tutta probabilità sarebbero stati depositati solo lunedì mattina in banca. Ecco che nella notte di domenica è scattato il piano. I cancelli principali sono stati forzati con un piede di porco, lo stesso arnese insieme ad una sega circolare è servito per la  cassaforte. Ma prima la banda ha messo fuori uso il sistema di videosorveglianza dell’azienda. Hanno tranciato le videocamere che hanno portato con loro. Un errore nella fretta lo avrebbero commesso. Dettaglio prezioso per i carabinieri della locale stazione intervenuti sul posto per le indagini insieme ai colleghi dell’aliquota radiomobile della compagnia di Torre del Greco. Tornando al colpo, i ladri messo a tacere il sistema di allarme hanno iniziato la razzia nei reparti del food and beverage e della cassaforte. Poi la fuga e l’ulteriore furto di un furgone Peugeot in uso alla ditta. Colpo riuscito al momento mentre lo scorso anno il colpo fu sventato dai carabinieri della locale stazione.

di Patrizia Panico – fonte Il Mattino area sud-costiera

Articoli recenti