lunedì 20 Maggio 2024
HomePoliticaE' Lucia Azzolina ministra dell'Istruzione

E’ Lucia Azzolina ministra dell’Istruzione

Ministero diviso a metà dopo 11anni, il premier Conte nomina all’Istruzione Lucia Azzolina e all’Università e Ricerca Gaetano Manfredi.

Capodanno con grandi novità per il ministero dell’Istruzione che, dopo le dimissioni di Lorenzo Fioramonti, saranno ben due ministri a prendere il suo posto Lucia Azzolina e Gaetano Manfredi. Infatti, come annunciato dal premier Conte durante la conferenza di fine anno, il ministero è stato “sdoppiato”( l’ultima separazione nel 2008). L’Azzolina guiderà il ministero della scuola mentre Gaetano Manfredi sarà ministro dell’Università e Ricerca.

E’ nato ad Ottaviano il ministro dell’Università: il rettore Gaetano Manfredi

Lucia Azzolina siracusana docente di Storia e Filosofia, prima della nomina, era già sottosegretario alla Scuola in quota M5S.  La neo ministra, oltre alla laurea in Filosofia ha conseguito nel 2013 anche in quella in Giurisprudenza, concentrandosi soprattutto sul diritto scolastico. Nel gennaio 2014 è passata di ruolo all’I.I.S “Quintino Sella” di Biella. Nel maggio 2019 è risultata tra gli idonei del concorso per dirigente scolastico. L’Azzolina ha iniziato la sua carriera politica nel 2018: candidata al Parlamento per la circoscrizione Novara-Biella-Vercelli-Verbania e parte della provincia di Alessandria, dove ha ottenuto il maggior numero di voti tra le donne candidate. Dal marzo del 2018 è deputato della Repubblica Italiana. La ministra Azzolina su Facebook scrive: “Guidare il ministero dell’Istruzione sarà per me un grande onore. Non nascondo l’emozione che provo in questo momento. Nella scuola ho passato gli anni più belli della mia vita, prima come studentessa e poi come insegnante. Alla scuola voglio restituire ciò che mi ha dato. C’è tanto lavoro da fare. E lo faremo. A testa bassa, con umiltà, attraverso l’ascolto, il confronto e continuando ad andare nelle scuole, come ho fatto in questi mesi da Sottosegretaria. Ringrazio il Presidente Conte per la fiducia. Ringrazio Luigi Di Maio che mi ha sostenuto e tutti i colleghi parlamentari del Movimento 5 Stelle. Rivolgo un pensiero deferente al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, garante della Costituzione e dell’unità nazionale. Mi aspetta un compito grande. Non sarò sola: al ministero in questi primi mesi ho già condiviso, con una squadra di persone ed esperti, il percorso del decreto scuola e avviato i primi dossier. E poi c’è il personale del Miur. Ci sono tante persone preparate con cui ci metteremo subito al lavoro per il bene della scuola.
Ringrazio tutti coloro che mi hanno scritto per incoraggiarmi e che mi stanno augurando buon lavoro. Metterò tutto il mio impegno per riportare i ragazzi e il loro futuro al centro del sistema di Istruzione e del Paese. Non vedo l’ora di cominciare.”

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche