mercoledì 28 Ottobre 2020
Home Cronaca Graffe, pan di spagna e rustici: sequestri in due pasticcerie a Mariglianella

Graffe, pan di spagna e rustici: sequestri in due pasticcerie a Mariglianella

MARIGLIANELLA. “La Fiorente” e “La Cuccagna”, decine di chili di prodotti dolciari da forno senza rintracciabilità sequestrati nei due bar e pasticcerie “visitate” dai Nas di Napoli.

I due esercizi commerciali sono entrambi lungo via G. Marconi: lungo questa arteria oggi i carabinieri del Nucleo antisofisticazione di Napoli hanno trovato circa un quintale di prodotti tipici da pasticceria – dolci e rustici in seguito sequestrati – conservati e venduti ma privi di tutta la certificazione necessaria – per legge – che ne accerti e garantisca la rintracciabilità. Si tratta di un fondamentale aspetto per la sicurezza alimentare poiché la “rintracciabilità” attesta l’intera filiera che il prodotto – a partire dalla materia prima fino al prodotto finale –  in modo da poter ricostruire e seguire il percorso di ogni singolo alimento. Documentazione che, al contrario, dalle verifiche dei Nas di Napoli, mancava da parte dei due titolari, gestori dei due locali.

In particolare al bar pasticceria “La Fiorente”, i militari dell’Antisofisticazione hanno proceduto al sequestro amministrativo di 50 chili circa di prodotti tipici della pasticceria (semilavorati, cornetti, pizzetti e graffe), rinvenuti privi di qualsivoglia indicazione utile a garantirne la loro rintracciabilità. Alla pasticceria “La Cuccagna” hanno proceduto al sequestro amministrativo di altrettanti 50 chili circa, di prodotti dolciari di vario tipo (bignè – pasta frolla – pan di spagna – cornetti – ciambelle – arancini – crocché ) per mancata rintracciabilità alimentare.

- Advertisement -

Potrebbe chiamarsi operazione “Negozi puliti”, quella che i Nas di Napoli – carabinieri del Nucleo antisofisticazione – stanno eseguendo in queste ore nel Napoletano. Da Poggiomarino a Pozzuoli passando per i comuni di Mariglianella e Marigliano (sequestrati tonnellate prodotti dolciari, salumi e prodotti ittici in un bar pasticceria e supermercato). Controlli a decine di esercizi commerciali – in particolare alimentari – per verificare lo stato di produzione e conservazione degli alimenti, nonché accertare che abbiano la documentazione che ne garantisca la rintracciabilità. Obbligatoria per legge. Documentazione obbligatoria anche per gli stessi locali adibiti a laboratori, depositi e, infine, per la vendita degli alimenti.

di Patrizia Panico

 

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Un “carrello solidale” per aiutare le famiglie in difficoltà, ecco i negozi che hanno aderito

Somma Vesuviana. Il "carrello solidale", una iniziativa concreta che aiuta le tante famiglie in difficoltà che in questo momento si stanno rivolgendo alla...

Elezioni comunali a Somma Vesuviana, ecco la coalizione rivolta a cittadini e alle forze politiche

SOMMA VESUVIANA. Una coalizione ampia, democratica e partecipativa è quella che si prefiggono i quattro gruppi politici che hanno dato vita ad una alleanza...

La dirigente chiude oggi la scuola dell’Infanzia di Rione Trieste

Somma Vesuviana. "Sospensione attività didattiche plessi Rione Trieste e Costantinopoli Infanzia in data 28/10/2020", così ha deciso la dirigente scolastica Antonella Luisa La...

Rifiuti rimossi nel Parco nazionale del Vesuvio dopo segnalazioni dell’app Sma Campania

San Giuseppe Vesuviano, rifiuti: le segnalazioni dell'app Sma Campania nel Parco nazionale del Vesuvio Il fenomeno dell'abbandono dei rifiuti purtroppo non è mai smesso. Anche...

Sequestrati 139mila dispositivi antiCovid non a norma, moltissimi erano per bimbi

Arzano (Napoli). Nuovo importante sequestro operato dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, nell’ambito dei servizi di controllo sull’osservanza delle...
- Advertisment -