lunedì 10 Agosto 2020
Home Cronaca Graffe, pan di spagna e rustici: sequestri in due pasticcerie a Mariglianella

Graffe, pan di spagna e rustici: sequestri in due pasticcerie a Mariglianella

MARIGLIANELLA. “La Fiorente” e “La Cuccagna”, decine di chili di prodotti dolciari da forno senza rintracciabilità sequestrati nei due bar e pasticcerie “visitate” dai Nas di Napoli.

I due esercizi commerciali sono entrambi lungo via G. Marconi: lungo questa arteria oggi i carabinieri del Nucleo antisofisticazione di Napoli hanno trovato circa un quintale di prodotti tipici da pasticceria – dolci e rustici in seguito sequestrati – conservati e venduti ma privi di tutta la certificazione necessaria – per legge – che ne accerti e garantisca la rintracciabilità. Si tratta di un fondamentale aspetto per la sicurezza alimentare poiché la “rintracciabilità” attesta l’intera filiera che il prodotto – a partire dalla materia prima fino al prodotto finale –  in modo da poter ricostruire e seguire il percorso di ogni singolo alimento. Documentazione che, al contrario, dalle verifiche dei Nas di Napoli, mancava da parte dei due titolari, gestori dei due locali.

In particolare al bar pasticceria “La Fiorente”, i militari dell’Antisofisticazione hanno proceduto al sequestro amministrativo di 50 chili circa di prodotti tipici della pasticceria (semilavorati, cornetti, pizzetti e graffe), rinvenuti privi di qualsivoglia indicazione utile a garantirne la loro rintracciabilità. Alla pasticceria “La Cuccagna” hanno proceduto al sequestro amministrativo di altrettanti 50 chili circa, di prodotti dolciari di vario tipo (bignè – pasta frolla – pan di spagna – cornetti – ciambelle – arancini – crocché ) per mancata rintracciabilità alimentare.

- Advertisement -

Potrebbe chiamarsi operazione “Negozi puliti”, quella che i Nas di Napoli – carabinieri del Nucleo antisofisticazione – stanno eseguendo in queste ore nel Napoletano. Da Poggiomarino a Pozzuoli passando per i comuni di Mariglianella e Marigliano (sequestrati tonnellate prodotti dolciari, salumi e prodotti ittici in un bar pasticceria e supermercato). Controlli a decine di esercizi commerciali – in particolare alimentari – per verificare lo stato di produzione e conservazione degli alimenti, nonché accertare che abbiano la documentazione che ne garantisca la rintracciabilità. Obbligatoria per legge. Documentazione obbligatoria anche per gli stessi locali adibiti a laboratori, depositi e, infine, per la vendita degli alimenti.

di Patrizia Panico

 

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Regionali 2020, la lista “Per – le persone e la comunità” ufficializza le candidature

NAPOLI. Ufficializzate le candidature della lista “Per – le persone e la comunità” nella provincia di Napoli. Capolista sarà il direttore del carcere minorile...

Casamarciano. Assembramenti e movida incontrollata: il sindaco adotta nuove misure restrittive

Casamarciano. Divieti, telecamere e controlli a tappeto. A Casamarciano stop a soste selvagge con le nuove misure restrittive messe in campo dall'amministrazione comunale. Il...

S. Giorgio. La ricercatrice Spigno ed il suo gruppo a sostegno del candidato sindaco Marino

SAN GIORGIO A CREMANO. Un nuovo importante acquisto per lo schieramento che sostiene il candidato sindaco Giovanni Marino. A candidarsi con Marino anche Patrizia...

Associazione giornalisti vesuviani: “Cordoglio per la morte di Valeria Capezzuto”

Napoli. «Abbiamo appreso con profonda tristezza la scomparsa della collega Valeria Capezzuto. Ci stringiamo vicino alla sua famiglia e alla redazione napoletana del Tgr»....

Brusciano. I consiglieri Sposito e Travaglino chiedono le dimissioni del sindaco

Brusciano. A due anni dall’insediamento dell’amministrazione guidata da Giuseppe Montanile, i consiglieri Giuseppina Sposito e Rocco Travaglino prendono le distanze ufficiallizzando la loro...
- Advertisment -