sabato 20 Luglio 2024
HomeCronacaIl sindaco: "Dipendenti svogliati", gli impiegati dell'Anagrafe: "Chieda scusa"

Il sindaco: “Dipendenti svogliati”, gli impiegati dell’Anagrafe: “Chieda scusa”

SOMMA VESUVIANA – E’ bastata una parola “svogliati” a far scoppiare la bolla d’insoddisfazione dei dipendenti dell’ufficio Anagrafe. A definirli così è stato il sindaco Ferdinando Allocca che, ad un quotidiano, ha spiegato con mancanza di volontà il fatto che alcuni cittadini avevano dovuto attendere un giorno per avere la propria carta d’identità. Ragione del contendere un timbro che si era rotto ieri e che ha costretto i dipendenti a non poter compilare il documento richiesto. Le accuse del primo cittadino, però, non sono andate giù ai 4 impiegati comunali che gli hanno scritto una lettera aperta che pubblichiamo per esteso in allegato. “Il sindaco ci deve le sue scuse”, affermano i dipendenti, “Il capo dell’Amministrazione avrebbe prima dovuto rendersi conto di quale fosse stato il problema per cui abbiamo dovuto dire di no a dei cittadini e poi esprimersi a riguardo. Gli utenti non si sono mai lamentati del nostro modo di lavorare, purtroppo non siamo messi in condizione di svolgere le nostre funzioni al meglio, ci mancano i mezzi. Ieri si è rotto il timbro che ci serviva per le carte d’identità eppure era un anno che stavamo dicendo che si era danneggiato e andava sostituito, mentre abbiamo provveduto a farlo rifare sono trascorse un paio d’ore in cui siamo stati costretti a rimandare a casa i cittadini a mani vuote. Noi vorremmo che i nostri superiori ci apprezzassero per il nostro lavoro, ma questo non accade”. Quello che i dipendenti dell’Anagrafe segnalano è anche una disparità di trattamento con altri uffici. “In altri settori del Comune ci sono attrezzature all’avanguardia”, continuano, “noi non abbiamo una stampante, i computer sono pochi e obsoleti, dobbiamo accenderli mezz’ora prima per farli ‘riscaldare’. Siamo appena quattro impiegati, eravamo in cinque ma poi uno si è voluto trasferire e politicamente è stato subito accontentato, senza valutare che questo ci avrebbe creato delle difficoltà di gestione. Il nostro ufficio è, nonostante tutto, all’avanguardia, vogliamo il rispetto del nostro lavoro non abbiamo mai chiesto soldi in più, vogliamo solo ciò che ci spetta e prima di tutto le scuse del sindaco per il termine con cui ci ha apostrofati”.
Ferdinando Allocca però non ha alcune intenzione di fare passi indietro rispetto a quanto aveva già detto. “Se si è arrivati ad un disservizio tale da far ritornare indietro alcuni utenti”, spiega il primo cittadino, “questo si deve addebitare alla negligenza degli impiegati o del responsabile del servizio che non ha provveduto in tempo a sopperire alle richieste. Sono svogliati, mio fratello compreso (Emanuele Allocca è uno dei dipendenti dell’Ufficio Anagrafe, ndr)”.

Sostieni la Provinciaonline

Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permettete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi. Clicca qui e aiutaci ad informare ⬇️.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Dal 2017 è componente della Commissione Pari Opportunità dell'Ordine dei Giornalisti della Campania Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna". Nel 2022 Premio di giornalismo “Francesco Landolfo”

Articoli recenti

Rubriche