venerdì 14 Giugno 2024
HomeCronacaL'area Utopia presa di mira dai vandali

L’area Utopia presa di mira dai vandali

MARIGIANO. Stavolta sono le panchine e l’impianto di irrigazione ad andarci di mezzo.
Ingnoti si sono impegnati a svitare, spaccare e spostare le panchine; altri o gli stessi hanno danneggiato l’impianto di irrigazione dell’ospedale delle piante Chico Mendes, aiuola dei platani.

Invitiamo questi ignoti, a trovarsi un altro passatempo perché siamo un’associazione che progetta e propone da 15 anni attività culturali e non la squadra riparazione e antivandalismo.

Dopo l’ennesimo atto e tutti i precedenti attacchi, ci chiediamo: “perché l’ex stazione della vesuviana nel dicembre 2013 era un luogo abbandonato, pieno di monnezza, frequentato da nessuno, tranne da chi sversava e da qualche gatto morto e improvvisamente è diventata il passatempo di alcuni che, forse con la stessa capa, ma con metodi diversi, contrastano in modo continuo chi ha ridato dignità a quel luogo”?

Diciamo, a chi ha voglia di ascoltare, che Stazione Utopia non è di proprietà di nessuno e quindi è di tutti e che da dicembre 2013 è ridiventata un’area pubblica e, in quanto tale, và difesa dagli attacchi dei privati, dei vandali e dei nostalgici.
Uno spazio pubblico che accoglie e non respinge, un’area in continuo movimento, un laboratorio sociale per chi oltre la sosta, cerca l’incontro, lo scambio e propone nuove modalità di gestione del proprio territorio.
Questa è la nostra proposta!
A chi fa paura? A chi non piace?

Infine chiediamo pubblicamente al noto ambientalista mariglianese, promotore di campagne contro il vandalismo e il degrado, ingegnere Monda Domenico: “ha visto qualcosa dalle telecamere che dal suo castello puntano direttamente sull’area pubblica”?

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche