lunedì 27 Maggio 2024
HomePoliticaS.Anastasia. Ortocrazia e Fondazione Giorgio Almirante commemorano Rastrelli

S.Anastasia. Ortocrazia e Fondazione Giorgio Almirante commemorano Rastrelli

SANT’ANASTASIA. L’associazione Ortocrazia e la Fondazione «Giorgio Almirante» commemorano Antonio Rastrelli.

Alle 19, 30 di giovedì 3 settembre, ai Giardini di Villa Giulia di Madonna dell’Arco (Sant’Anastasia), il presidente di Ortocrazia, Alfonso Gifuni, e la presidente della fondazione intitolata a Giorgio Almirante,  Giuliana de’Medici, ricorderanno e omaggeranno la figura di Antonio Rastrelli, scomparso il 15 agosto del 2019 all’età di 91 anni. É morto a 91 anni – il 15 agosto 2019 – Antonio Rastrelli, ex presidente della Regione Campania e già sottosegretario al Tesoro nel governo Berlusconi, storico esponente del Movimento Sociale Italiano prima e di Alleanza Nazionale poi, più volte consigliere comunale a Napoli, deputato, senatore, componente laico del Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa. L’anno scorso, nel giorno della sua morte, fu ricordato non solo da esponenti della destra, parte politica nella quale ha sempre militato, ma da tutto il mondo della politica e delle istituzioni. Anche nell’evento del 3 settembre, voluto dai presidenti nazionali di Ortocrazia e fondazione Almirante, a commemorare Rastrelli, galantuomo prima che politico, ci saranno numerosi esponenti politici e istituzionali. A chiudere i lavori ci sarà l’avvocato Sergio Rastrelli ma prima si susseguiranno le testimonianze di ospiti eccellenti di diverse estrazioni politiche i quali racconteranno come, tra galantuomini, l’essere avversari non preclude sentimenti di stima e rispetto. «Sono onorato di condividere con Giuliana e la fondazione Giorgio Almirante le insegne di questo evento che organizziamo con Ortocrazia, un’associazione nata proprio dalla comunanza di idee e principi, dai valori fondanti della destra al rispetto delle regole, che con il presidente Antonio Rastrelli abbiamo condiviso una vita intera» – dice Alfonso Gifuni.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche