martedì 28 Maggio 2024
HomePoliticaOspedale, Cuccurullo al fianco dei comitati. "Sulla salute non si fanno duelli...

Ospedale, Cuccurullo al fianco dei comitati. “Sulla salute non si fanno duelli elettorali”

Sabato 12 aprile il candidato del centro sinistra Corrado Cuccurullo ha incontrato i rappresentati del movimento “C’avite accise a salute” per accogliere le loro richieste non solo da candidato sindaco ma da cittadino di Torre Annunziata che si schiera al loro fianco in questa lotta.
«Sono qui da candidato a sindaco ma penso che su determinati argomenti si debba accantonare l’aspetto politico ed evitarne la strumentalizzazione. Siamo tutti genitori e la vicenda che ha dato il via alla vostra protesta la sento anche io. A questo si aggiunge un altro fattore emotivo: mio padre ha terminato la sua carriera da medico proprio come primario di medicina d’urgenza all’ospedale civico di Torre Annunziata. Lo specifico perché questo argomento mi tocca particolarmente».
Sul tema del pronto soccorso: «Nella programmazione sanitaria l’apertura è un punto fondamentale ed io sono convinto che avverrà nei prossimi mesi. Innanzitutto, perché sono già in corso una serie di evoluzioni come l’apertura delle sale operatorie attualmente in espansione che restano fondamentali proprio per il pronto soccorso. Non dimentichiamo che questo ospedale presenta già un ottimo reparto di cardiologia interventistica con emodinamica ed elettrofisiologia: pongo l’accento su questa tematica perché è necessario ampliare le prospettive. Ancora: dalla settimana scorsa si stanno facendo operazioni di senologia con un grande chirurgo che ha deciso di spostarsi qui da Napoli. Poi il centro prelievo attivo e che garantisce prestazioni gratuite a chi è esentato: questo bisogna dirlo perché si inquadra perfettamente nel tema della sanità pubblica che state difendendo oggi ed io con voi».

«L’ospedale di Boscotrecase – sottolinea Cuccurullo – si trova accanto ad un’area archeologica che conta 4 milioni di visitatori l’anno e alla prossima apertura del Maximall, il centro commerciale più grande d’Europa. Come possiamo allora immaginare di non avere un pronto soccorso nelle vicinanze. Anzi io sostengo che oltre l’apertura del pronto soccorso è necessaria una rifunzionalizzazione dei reparti proprio per adeguarci ai rating internazionali del turismo. Abbiamo la possibilità, perché esiste già un progetto, di realizzare una bretella autostradale che arrivi direttamente all’ospedale e questo ci consentirebbe di potenziare ancor di più il pronto soccorso per un semplice motivo: da Salerno a Napoli non c’è nessun presidio ospedaliero che insiste sull’autostrada».

E a chi pone l’accento sulle provocazioni del candidato del centro-destra, Cuccurullo risponde: «Per cinque anni sono stato presidente e amministratore delegato di So.Re.Sa SpA che non svolge alcun ruolo nella programmazione sanitaria. Non ho mai chiuso ospedali né ho mai avuto il potere di aprirli. So.Re.Sa porta avanti due missioni in ambito sanitario: l’acquisto di farmaci, ed io stesso ho firmato l’acquisto di farmaci salvavita per i bambini ricoverati al Cardarelli, e l’innovazione tecnologica. Abbiamo tutti utilizzato l’app eSinfonia durante il Covid e ne conosciamo il prestigio. Posso garantirvi che non mi sono mai occupato di programmazione sanitaria, altrimenti per l’aspetto emotivo che mi lega a Torre Annunziata, questo ospedale avrebbe sicuramente avuto un altro tipo di ruolo per sua posizione geografica. L’ospedale non deve essere uno strumento di battaglia politica e non voglio che la mia presenza sia strumentalizzata. Lo sconforto della città lo percepisco, il rancore verso chi ci ha amministrato lo avverto. Io scendo in campo da indipendente e senza tessere di partito perché è necessario impegnarsi in prima persona, abbraccio il centro-sinistra perché sono queste le mie radici. La rigenerazione di cui parlo passa proprio attraverso i simboli come l’ospedale e il municipio. Nelle mie intenzioni c’è sicuramente la conferenza dei sindaci e su questo sono d’accordo con voi: deve essere convocata e bisogna compartecipare con l’Asl Napoli 3 alla programmazione sanitaria. Sarà una delle prime cose che farò. Questa è la battaglia della città non di una fazione politica. Io voglio scendere al massimo con gli altri candidati, insieme, per la città. Non è la battaglia né di destra né di sinistra».

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche