giovedì 29 Settembre 2022
HomeCronacaOttaviano. Bambini si sentono male dopo il pasto della mensa. In corso...

Ottaviano. Bambini si sentono male dopo il pasto della mensa. In corso accertamenti

OTTAVIANO. Bambini si sentono male dopo aver consumato il pasto alla mensa scolastica, il sindaco Luca Capasso: “Non avremo pace finché non emergeranno tutte le responsabilità”.

Uno spiacevole episodio è accaduto in alcuni plessi scolastici di Ottaviano, alcuni bambini dopo aver consumato il pasto alla mensa scolastica si sono sentiti male. Tra i sintomi dolori addominali e vomito. Il sindaco Luca Capasso con un post su Facebook dichiara tutta la sua rabbia e la volontà di accertarsi delle responsabilità per poi prendere provvedimenti: “Alcuni alunni delle scuole di Ottaviano hanno avvertito malori a seguito dell’assunzione di pasti della mensa scolastica. Io e l’assessore all’istruzione Virginia Nappo ci siamo recati immediatamente nei plessi scolastici per fare il punto della situazione. In via precauzionale abbiamo sospeso il servizio mensa in tutti i plessi nelle giornate di oggi e domani e da subito abbiamo avviato tutte le verifiche del caso. Abbiamo già provveduto ad inviare una formale contestazione alla ditta incaricata di fornire il servizio e stiamo provvedendo all’analisi del pasto campione. Siamo, inoltre, a stretto contatto con l’Asl, allertata immediatamente. Non ci fermeremo fino a quando non saranno accertate tutte le responsabilità su questa spiacevole vicenda, vi terremo aggiornati su tutti gli sviluppi. Come sapete (e come è facilmente dimostrabile) la nostra attenzione alle scuole, ai ragazzi e alla mensa è sempre stata massima: facciamo controlli quotidiani e ispezioni a sorpresa con molta frequenza. Ci consideriamo parte lesa e non avremo pace finché non emergeranno tutte le responsabilità. Considero, francamente, inutili e pretestuose tutte le polemiche e i tentativi di strumentalizzazione: non è questo il momento delle chiacchiere”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti