sabato 1 Ottobre 2022
HomeAttualitàRaccolta fondi on line per restaurare e riaprire la chiesa Collegiata

Raccolta fondi on line per restaurare e riaprire la chiesa Collegiata

Somma Vesuviana. Un finanziamento collettivo, o come si usa dire oggi, un crowdfunding, per salvare la Collegiata.

L’antica chiesa di Somma Vesuviana chiusa da mesi a causa di alcuni mancati lavori di messa in sicurezza. E dunque, i cittadini si sono mobilitati per far riaprire al più presto la chiesa del borgo antico del Casamale. In particolare l’associazione ‘Jesce Sole!’ ha avviato una campagna di raccolta fondi sulla piattaforma web BuonaCausa.org (l’indirizzo web dell’iniziativa è www.buonacausa.org/cause/salviamolacollegiata) cercando di sensibilizzare i sommesi alla partecipazione attiva perché, spiegano “la Collegiata è un bene comune da salvaguardare”. Il prezioso soffitto di fine ‘600 della chiesa, cassettonato in legno e decorato in oro zecchino, perde pezzi ed è necessario renderlo sicuro in attesa che giungano i fondi per il costoso restauro. Ad aprile del 2013, infatti, ci furono i primi segnali di cedimento della struttura. Dal tetto caddero alcuni pezzi di intonaco e di calcinacci. Ne seguì un tempestivo sopralluogo dei tecnici della curia vescovile di Nola che stabilirono la necessità della messa in sicurezza del tetto e la sua ristrutturazione. Nei preventivi giunti al consiglio pastorale si parla di una spesa di 150mila euro, 40 mila per il solo tetto. Da questa cifra si intende partire. “L’iniziativa è sperimentale ed è finalizzata a raccogliere entro il 31 maggio 5000 euro”, spiegano i promotori, “come contributo per i lavori di messa in sicurezza e la riapertura della chiesa Collegiata, in attesa che gli enti competenti pianifichino il futuro costoso restauro. E mentre la macchina burocratica fa il suo corso, questo bellissimo monumento, tra i più ricchi e importanti del “Regno di Napoli” e cuore delle attività della comunità (da qui partono le principali manifestazioni religiose della città di Somma Vesuviana come la processione del Venerdì Santo, di San Gennaro, di Sant’Antonio Abate, della Madonna della Neve – in occasione della Festa della Lucerne), resta chiuso”. La campagna, nata per iniziativa di ‘Jesce Sole ! Somma-Vesuvio Social Hub’, si pone come obiettivo la raccolta di fondi per affiancare il lavoro del Comitato “Salviamo la Collegiata”, presieduto da padre Costanzo Nganga, che sta raccogliendo offerte per raggiungere la cifra di 40mila euro necessaria per la messa in sicurezza e la riapertura della Chiesa. Tanta buona volontà e un sogno messo in atto da ‘Jesce Sole!’, promotore dell’iniziativa che si definisce “un gruppo di cittadini che crede che il mondo che ci circonda può cambiare in meglio grazie alla partecipazione, alla trasparenza e alla collaborazione che crede nel processo di innovazione sociale ed economica, che sta inducendo milioni di persone a collaborare, per organizzare dal basso una risposta che normalmente spetterebbe alle istituzioni pubbliche risolvere da sole”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Dal 2017 è componente della Commissione Pari Opportunità dell'Ordine dei Giornalisti della Campania Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna". Nel 2022 Premio di giornalismo “Francesco Landolfo”

Articoli recenti