sabato 1 Ottobre 2022
HomePoliticaS.Anastasia. La donna più votata è Rosaria Fornaro

S.Anastasia. La donna più votata è Rosaria Fornaro

Sant’Anastasia. Con 558 preferenze, l’avvocato civilista e specializzanda in diritto minorile Rosaria Fornaro (lista civica Sant’Anastasia in volo a sostegno di Lello Abete) è la donna più votata per il consiglio comunale di Sant’Anastasia.

Fornaro, nota per la sua lotta alla camorra, ha la sua prima esperienza politica nel 2010, infatti decide di candidarsi alla regione con il partito della Destra di Storace ottenendo sul territorio ben 980 preferenze, ottimo risultato ma che la porta ad essere però la prima non eletta. Ci riprova con caparbietà alle comunali riscuotendo un bel successo, ma sarà consigliere comunale nel caso in cui al ballottaggio Abete superi Antonio De Simone. Molte le sue progettualità da portare in consiglio comunale dove spiccano le priorità come l’abbattimento della casta e delle famiglie politicizzate, sostegno pieno ai meno abbienti con un occhio particolare ai disoccupati creando per loro apposta uno sportello informativo per aggiornarli di tutte le opportunità lavorative che si presentano, la creazione di un albo per le imprese locali per incentivare e rafforzare l’economia del paese. Un punto fondamentale del suo progetto politico a cui lei tiene particolarmente è la riapertura di un pronto soccorso attrezzato, atto a soddisfare l’emergenze sanitarie della cittadinanza, che sia l’Apicella o altra sede poiché sia a breve raggio dal territorio anastasiano, battaglia che lei auspica di fare insieme a tutta la comunità partendo da una raccolta di firme. “Sono contentissima perché sono stata scelta dal popolo e quindi sarò solo ed esclusivamente la sua rappresentante” dice Rosaria Fornaro “Sono libera dai bisogni, sono senza padroni e senza referenti politici a cui sottostare quindi appartengo solo alla gente” Conclude “ Mi sono messa in gioco perché amo la politica mossa dalla passione di aiutare il mio paese, non certamente per bisogno o scopi personali”.

DA METROPOLIS DEL 30 MAGGIO

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti