mercoledì 24 Aprile 2024
HomeCronacaS.Anastasia. Vandali in azione al Centro Liguori. Cittadini indignati

S.Anastasia. Vandali in azione al Centro Liguori. Cittadini indignati

SANT’ANASTASIA. Vandalizzato sabato sera il Centro Liguori, ignoti si sono introdotti nella struttura rompendo vetro e infissi. Scoppia la rabbia sui social.

centro Liguori - vandalizzato- s.anastasia

Indignazione sui social, dove si è appreso che nella prima serata di ieri, sabato, ignoti si sono introdotti all’interno del Centro polifunzionale Liguori: hanno forzato una porta rompendo il vetro e danneggiato alcuni mobili e infissi. L’allarme è scattato già in tarda serata, probabilmente lanciato da qualche residente che ha notato la porta spalancata mentre la struttura era al buio, segno che non vi erano attività in quel momento nel Centro. In pochissimo tempo la notizia ha fatto il giro del web destando rabbia e sdegno.

Le associazioni che operano le loro attività nella struttura, in questi giorni stanno effettuando il trasloco dei loro materiali – per lo più materiale didattico e ludico – in un’altra sede, in quanto la struttura di via San Giuseppe è destinata prossimamente ad ospitare gli alunni del plesso Sodani – attualmente l’edificio storico, ex scuola Sodani, da settembre giudicato inagibile, è chiuso e in attesa di lavori in vista del trasferimento della caserma dei carabinieri. I ladri che si sono introdotti nella struttura, sabato sera, non hanno trovato nulla di particolare valore economico, tra le poche cose rimaste del materiale utilizzato dai volontari delle quattro associazioni che fruiscono del Centro. Anche se si riferisce che non è stato rubato nulla di valore è stato di certo arrecato danno alle associazioni. Tanta rabbia la rabbia sui social dove è stata denunciata la vicenda, perché la vandalizzazione di una struttura pubblica, soprattutto quelle destinate al sociale, è una ferita morale che coinvolge l’intera comunità.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche