martedì 27 Settembre 2022
HomePoliticaSant’Anastasia. Multe salate per chi non rispetta la raccolta differenziata

Sant’Anastasia. Multe salate per chi non rispetta la raccolta differenziata

SANT’ANASTASIA. Multe salate per chi non rispetta l’ambiente e il vivere civile in una comunità, il Comune, attualmente commissariato, sta mettendo con le spalle al muro chi non esegue una corretta raccolta differenziata.

Polizia municipale e guardie ambientali stanno realizzando un programma di controllo sul territorio anastasiano per monitorare i cittadini al fine di far  rispettare la norma in oggetto. Ad oggi sono già scoccate le prime ammende, dalla somma di 100 euro (come da ordinanza sindacale), per chi non ha riposto nei giorni stabiliti, la giusta differenziazione dei rifiuti e per chi ha raccolto tutte le tipologie di frazione unitamente senza compiere la giusta divisione dei rifiuti organici dai materiali riciclabili a quelli non riciclabili.

La sanzione è stata e sarà fatta non a carico di un intero stabile ma della singola famiglia che viene trovata nell’irregolarità, in base al materiale rilevato nell’immondizia riconducibile al soggetto che ha commesso l’illecito. Purtroppo le zone attualmente interessate dove sono state elevate le pene pecuniarie sono state quella del boschetto, di via Primicerio, di via Regina Margherita e di via Marconi. Il comandante della polizia municipale si è detto soddisfatto per i primi interventi: “Nonostante gli sforzi costanti profusi, non sempre è facile scoprire i trasgressori – commenta il comandante – una cosa è certa: certe condotte esecrabili non possono essere tollerate in un paese civile. D’altro canto è da precisarsi che la maggioranza dei cittadini osserva in pieno la raccolta differenziata”.

L’intera operazione, naturalmente ha trovato l’appoggio e il sostegno del commissario prefettizio Anna Nigro e del sub commissario Giuseppe Amore che si sono detti soddisfatti dell’operato della polizia municipale e delle guardie ambientali, e la necessità di guidare la cittadinanza alla legalità e al rispetto dell’operato delle suddette forze che si adoperano per il bene del paese. Infine si sono complimentati con i cittadini ligi al dovere perché una buona raccolta differenziata non solo è una buona norma per il vivere civile ma abbatte anche i costi elevati che il Comune deve far fronte.

Il paradosso purtroppo è che non tutti sanno che Napoli è stata la prima città d’Italia ad inventare la raccolta differenziata nel lontano 1832. Ferdinando II di Borbone emana una legge sulla differenziazione dei rifiuti e obbliga i sudditi non solo a tenere pulita la strada davanti casa  e usa testuali parole: “l’avvertenza di ammonticchiare le  immondezze al lato delle rispettive abitazioni e di separarne tutt’i frantumi di cristallo o vetro che troveranno riponendoli in un cumulo a parte” la sanzione dell’epoca non era il pagare una somma ma c’era addirittura l’arresto, quindi se con decreto borbonico nel 1832 si rispettava la raccolta differenziata perché non farlo nel 2014.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti