lunedì 20 Maggio 2024
HomeCronacaSomma. Arrestato Luigi Mirra, contiguo al clan Sarno

Somma. Arrestato Luigi Mirra, contiguo al clan Sarno

SOMMA VESUVIANA. Viola gli obblighi della detenzione domiciliare, i carabinieri riportano in cella Luigi Mirra, personaggio contiguo al clan Sarno.

Una violazione oramai più volte violata da parte del 43enne di Somma Vesuviana. Così i carabinieri della locale stazione hanno arrestato Luigi Mirra, già noto alle forze dell’ordine e tra l’altro ritenuto dagli inquirenti un personaggio contiguo al clan camorristico Sarno. E questa mattina il pregiudicato è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare emessa dall’Ufficio di sorveglianza del tribunale di Napoli in aggravamento della detenzione domiciliare – cui Luigi Mirra era sottoposto per estorsione aggravata dal metodo mafioso commessa a Somma Vesuviana ai danni di imprenditori locali nel 2009.
Quest’ultimo provvedimento – che porta il pregiudicato nel carcere di Poggioreale – è stato emesso dopo reiterate violazioni agli obblighi della detenzione domiciliare accertate dai militari dell’arma.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche