venerdì 17 Settembre 2021
HomeCronacaSomma. Ladri di auto, arrestati dopo un rocambolesco inseguimento tra la folla

Somma. Ladri di auto, arrestati dopo un rocambolesco inseguimento tra la folla

SOMMA VESUVIANA. Ladri di auto in fuga, avevano rubato due Fiat Panda, arrestati dai carabinieri della stazione di Sant’Anastasia dopo un rocambolesco inseguimento per le vie della cittadina vesuviana.

I carabinieri della stazione di Sant’Anastasia, al comando del maresciallo Francesco Russo hanno arrestato Mario Esposito, 26 anni, residente a Sant’Anastasia,  e il suo complice Manuel Spina, 19 anni, residente a Somma Vesuviana, entrambi già noti alle forze dell’ordine, sorpresi in flagranza di furto aggravato. Questa mattina su segnalazione della centrale operativa di Castello di Cisterna che aveva ricevuto notizia del furto di una Fiat Panda consumato a Sant’Anastasia, in via Sodani da parte di due individui poi fuggiti uno con la vettura appena rubata e l’altro con una Ford Fiesta, i militari hanno inviato diverse pattuglie nella direzione di fuga dei malviventi. I carabinieri in breve tempo hanno intercettato il mezzo rubato in via Rosanea di Somma Vesuviana (che risulterà poi essere la seconda auto rubata), guidato dal 19enne Manuel Spina. Questi, alla vista dei militari ha cercato di dileguarsi con manovre repentine e azzardate urtando anche contro l’auto dei carabinieri. Dopo poco è sopraggiunto il complice alla guida della Ford Fiesta che non è riuscito a fuggire perché immediatamente bloccato e arrestato dai militari. Fuga breve anche per il complice a bordo della Panda ritrovato anch’egli dai carabinieri nel corso delle sue ricerche. Dagli approfondimenti investigativi è, infine, emerso che i due ladri avevano rubato anche un’altra Panda. Le autovetture rinvenute sono state restituite ai legittimi proprietari. Per i due arrestati sono stati disposti gli arresti domiciliari in attesa di rito direttissimo.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti