domenica 19 Maggio 2024
HomeCronacaTentato omicidio a Baia dopo un litigio, identificati i responsabili

Tentato omicidio a Baia dopo un litigio, identificati i responsabili

BAIA, GIUGLIANO, MONTE DI PROCIDA. Tentato omicidio per gestione cantiere navale, I carabinieri hanno fermato i due presunti responsabili.

La sera del 19 aprile, in un cantiere navale di Baia, è scoppiata una violenta lite tra tre uomini: l’ex gestore del cantiere, il 47enne che lo ha rilevato e il titolare di un negozio di articoli per la nautica che si trova nei pressi del porto. L’ex gestore e il commerciante si sono recati al cantiere e durante la discussione hanno sparato contro il proprietario 47enne diversi colpi d’arma da fuoco, senza colpirlo perché la vittima è riuscita a ripararsi dietro ad un cancello. I due, dopo la discussione sono riusciti a scappare. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Pozzuoli e della Sezione Rilievi del Nucleo investigativo che hanno rinvenuto sull’asfalto quattro bossoli di cartucce per pistola semiautomatica. Dopo ventiquattro ore, i carabinieri, hanno identificato e sottoposto a fermo d’indiziato di delitto nonché detenzione e porto illegali di armi, coloro che sono ritenuti i responsabili del tentato omicidio: Pasquale Capuano 61enne di Giugliano e Nicola Lubrano Lavadera 50enne del Monte di Procida. I due sono stati ripresi da alcune telecamere private e riconosciuti sia dai militari che dalla vittima. I carabinieri li hanno rintracciati nei pressi delle loro abitazioni, dopo ore di assenza da qualsiasi luogo in cui avrebbero potuto essere stanati.
Ad un familiare di Lubrano Lavadera è stata anche sequestrata l’auto utilizzata per raggiungere il luogo del delitto. I due fermati al termine delle formalità sono stati associati al carcere di Poggioreale e dopo la convalida del fermo da parte del Gip di Napoli, per Lubrano è stata disposta la permanenza in carcere mentre per Capuano è stato predisposto l’obbligo di dimora fuori dalla regione Campania e l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria del luogo in cui ha eletto il nuovo domicilio.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche