napoli partita
napoli partita

Campionato di serie A: azzurri in alta quota. Altra prestazione da grande squadra contro un avversario ostile, da sempre ai colori azzurri, ed ennesima iniezione di fiducia verso quel sogno che di chiama scudetto.

La squadra di Maran costruisce una fitta ragnatela davanti alla propria porta con l’intendo di arginare le scorribande avversarie e colpire di rimessa. Gli azzurri sono stati bravi nell’avere pazienza e affondare la squadra locale nel momento giusto.

Sarri si affida alla squadra vincente delle ultime partite di campionato.

Anche Maran manda in campo l’undici che gli sta dando maggiori garanzie tecnico-tattiche, ad eccezione di Pepe che prende il posto di Birsa e di Cacciatore al posto di Frey.

Formazioni:

Chievo (4-3-1-2): Bizzarri; Cacciatore, Gamberini, Cesar, Gobbi; Pepe, Rigoni, Pinzi, Castro; Paloschi, Meggiorini. All.: Maran.

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Higuain, Insigne. All.: Sarri.

Arbitro: Massa

Cronaca della partita:

Il Napoli dovrà cercare di scardinare l’organizzazione tattica della squadra di Maran, facendo attenzione a non scoprirsi troppo in difesa. Al 9’ ci prova di prima intenzione (su passaggio di Hysaj) Callejon con un tiro teso, Bizzarri respinge con i pugni. Sul l’altro fronte, contropiede micidiale del Chievo imbastito da Meggiorini che verticalizza per Castro che, però, non inquadra la porta da ottima posizione. Al 22’ Hamsik trova lo spiraglio giusto per servire Higuain, il tiro dell’argentino viene deviato da un difensore clivense e termina sul palo prima di finire sul fondo: ghiotta occasione! Al 31’ secondo palo per gli azzurri: Higuain calcia dai 20’, Bizzarri non può arrivarci, la sfera colpisce il palo interno e termina fuori. Fine del primo tempo.

Al 57’ Insigne tenta la conclusione da fuori area, Bizzarri si distende e devia in angolo. E’ il preludio al vantaggio partenopeo che arriva al 60’ di gioco: Hamsik serve Ghoulam sulla fascia sinistra, cross dell’esterno napoletano e tiro di prima intenzione di Higuain che non lascia scampo all’estremo difensore clivense. Vantaggio azzurro meritato. Due minuti più tardi Insigne serve lo scatenato Pipita che addomestica bene la sfera nel cuore dell’area di rigore veronese, ma calcia alto sopra la traversa. Tra il 73’ ed il 76’ ci provano Allan (da fuori area) e Mertens con due conclusioni molto pericolose che terminano fuori di poco alla destra di Bizzarri. Nel primo minuto di recupero, il Chievo va vicinissimo al pareggio con una rovesciata di Castro che sorvola di poco la traversa. Partita finita, gli uomini di Sarri espugnano il Bentegodi di Verona.

Questo Napoli è davvero forte, molto compatto in difesa e a centrocampo e cinico sotto porta con l’implacabile Higuian, vero valore aggiunto. Adesso la vetta è a soli due punti.

Il Chievo ha disputato una gara tignosa, ma deve arrendersi alla forza del Napoli.