sabato 25 Gennaio 2020
Home Comunicati stampa Comitato per la cura del patrimonio arboreo nolano dice "No agli abbattimenti"

Comitato per la cura del patrimonio arboreo nolano dice “No agli abbattimenti”

NOLA. Comitato per la cura del patrimonio arboreo nolano dice “No agli abbattimenti degli alberi: ecco le alternative”. Conferenza stampa per sostenere l’iniziativa.

Palmisani (LIPU) e Strocchia (Forum Ambiente Area Nolana) favorevoli alle cure degli alberi ornamentali.  Gallozzi (Legambiente): si al Piano del Verde con regolamento e censimento.  Assente il Sindaco Biancardi.

Sala gremita alla tipografia l’Arca e l’Arco di via On. Napolitano ieri sera per l’attesa Conferenza Stampa ‘Salviamo la Villa” promossa dalle associazioni ambientaliste e di cittadinanza attiva locali e moderata dal medico-giornalista Gennaro Esposito, per evitare l’abbattimento di ventisette alberi, già deciso dal Sindaco Biancardi, perché ritenuti ‘pericolosi per la pubblica incolumità in caso di caduta’. Il cartello associativo è composto da Legambiente, WWF, LIPU, Forum Ambiente Area Nolana, Comitato Civico per la Difesa del Diritto all’Acqua, Slowfood agro nolano, Noladaqui, Città Viva, Campo de Fiori, Civitas, Le Rose di Gerico e la Federazione Assocampaniafelix. “Questa vicenda dalla Villa comunale – ha esordito nell’introduzione Annamaria Iovino del Forum Ambiente – ci ha portato a scoprire un tesoro di cui fruivamo senza conoscerne appieno il valore. Uno di questi è l’albero tropicale ‘Montezuma’, un cipresso di oltre 100 anni, che si erge nella Villa e che ora vogliono abbattere perché ‘pericolante’”. “Nola potrebbe essere la città dove si salvano gli alberi – ha ribadito Iovino – e dove portare avanti progetti di cura che coinvolgano le scuole, dove si può coinvolgere i maestri di festa dei Gigli per creare supporti lignei per i fusti degli alberi malati e un festival ecologico per promuovere la cultura del verde”.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’agronomo Carmine Strocchia (“Dobbiamo favorire il dialogo con l’amministrazione, questo muro contro muro non ci porta da nessuna parte. Gli alberi vanno curati, non tagliati”) e Antonio Gallozzi (Legambiente) (“Il taglio non è l’unica soluzione, è necessario il coinvolgimento dei cittadini, la politica deve lavorare per il bene comune”). Gallozzi ha lanciato una proposta organica: “Varare un Piano del Verde, un vero piano regolatore con annesso regolamento e censimento del patrimonio arboreo della città, affinchè si ottemperi ai dettami di legge che impongono la comunicazione del numero di alberi da trattare e manutenere, con relativa georeferenziazione. Il regolamento serve, altresì, a programmare i lavori e le manutenzioni da fare durante l’anno”. L’agronomo e coordinatore regionale della LIPU Matteo Palmisani nella sua relazione ha mostrato come è possibile salvare gli alberi nelle città e recuperare aree verdi anche in condizioni critiche, e senza ricorrere agli abbattimenti. “I tavoli tecnici voluti dal sindaco nascondono solo l’intenzione di abbattere gli alberi. Il sindaco teme il confronto con i cittadini e non ha capito che questi alberi non sono alberi comuni, ma esotici e ornamentali che appartengono alla tradizione collezionistica molto in voga nel 700-800”. Palmisani chiede da tempo al sindaco di poter fare un perizia, previo sopralluogo degli alberi dichiarati ‘pericolanti’, e di poterli curare. “La spesa prevista per la cura del verde a Nola equivale a q quella destinata ai servizi sociali. E come mai non ci sono soldi per i servizi sociali?”. Palmisani ha ricordato che il Piano del Verde Pubblico lo aveva già presentato qualche tempo fa al Presidente della Commissione Ambiente, ma nessun regolamento è mai stato approvato in Consiglio Comunale. Sulla potatura ‘preventiva’ l’agronomo è stato drastico: “Nessuna potatura si deve fare se non per ragioni fitosanitarie”. Per mettere in sicurezza il Montezuma basterebbero due tiranti o una impalcatura lignea, “magari fatta dai maestri di festa dei Gigli per dare un tocco artistico al manufatto”. Don Aniello Tortora, responsabile dell’Ufficio Diocesano per la Salvaguardia del Creato, ha ricordato che l’uomo non può deturpare la natura a suo piacimento. La Chiesa non indica soluzioni tecniche, ma invoca la partecipazione dei cittadini e fa appello al rispetto della Natura e del Creato. “A luglio arriverà la prima enciclica di Papa Francesco sull’ecologia – ha ricordato Don Aniello – e se l’uomo distruggerà il creato, il creato distruggerà l’uomo”. Il Consigliere di minoranza Maria Franca Tripaldi, nel suo intervento, si è resa disponibile a perorare la causa di Palmisani affinché possa eseguire il sopralluogo e la controperizia per salvare gli alberi. Molti gli interventi dei cittadini e dei rappresentanti delle associazioni, tutti uniti nella salvaguardia degli organismi vegetali. Dura l’accusa di Felice Simonetti, ex manutentore del patrimonio arboricolo comunale, che nel sue intervento accusa i politici di avergli impedito di terminare il programma di cura degli alberi, esponendoli a malattie più gravi. “Forse 24 mila euro erano pochi, quelli della mia gara d’appalto. Ecco perché mi è stato tolto l’appalto, bisognava spenderne il triplo”. Per Simonetti le piante sono affette da patologie fungine curabili e la soluzione è la terapia. Vincenzo Sepe (Legambiente Palma Campania) ha suggerito di raccogliere le firme dei cittadini ai sensi dell’art. 43 dello Statuto comunale, mentre il Professor Luigi Simonetti si è reso disponibile ad unirsi alle associazioni per il prosieguo della battaglia. Un cittadino si è dichiarato disponibile a curare la Villa comunale anche in maniera volontaristica. Gennaro Napolitano ha ricordato che le Consulte Ambientali erano state proposte all’amministrazione già cinque anni orsono e che bisogna riprendere questa proposta per una vera partecipazione delle associazioni di cittadini alle problematiche ambientali. Luigi Pappalardo (Civitas) ha insistito sulle prove di staticità (SIM) eseguite sugli alberi monumentali ed ha ribadito che queste prove debbono essere eseguite albero per albero. “La soluzione ottimale è curare gli alberi. La messa in sicurezza è costosa”.

Il Comitato proseguirà questa battaglia sia per l’elevato significato ambientalista, che nel rispetto della partecipazione democratica.

- Advertisment -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Piscitelli: “Senza Puc, l’Amministrazione ha bloccato i permessi a costruire”

SOMMA VESUVIANA. Edilizia bloccata, in una città senza Puc (con un piano regolatore che risale al 1978) e fatti scadere i termini previsti dalla...

A far la spesa, in spiaggia, a giocare alle slot machine 13 nei guai, decine di indagati VIDEO

TAURIANOVA (REGGIO CALABRIA). Al mercato a fare la spesa, in spiaggia a prendere il sole, in chiesa per un funerale, in tuta a fare...

Finanzieri arrestano latitante accusato di traffico internazionale di cocaina

NAPOLI. I finanzieri del Comando Provinciale di Napoli hanno individuato e arrestato il 45enne Basilio Lanzilli, alias “Armando”, ricercato dal 1 agosto 2019 quando...

La Finanza scopre 4 tassisti abusivi col “reddito di cittadinanza”

NAPOLI. Quattro tassisti abusivi che operavano con auto inadeguate e non sicure, sono stati scoperti dai finanzieri del Comando Provinciale di Napoli nel corso...

Stasera il debutto di”Tutta colpa di Tele..Garibaldi: intervista a Lino D’Angiò

AVERSA. Al teatro Cimarosa il debutto del celebre spettacolo "Tutta colpa di Tele...Garibaldi"  con Alan De Luca e Lino D'Angiò. Abbiamo intervistato a poche...
- Advertisment -