lunedì 26 Settembre 2022
HomeComunicati stampaNapoli una Smart City? L’associazione Agisci in piazza per chiederlo direttamente ai...

Napoli una Smart City? L’associazione Agisci in piazza per chiederlo direttamente ai cittadini.

NAPOLI. “Quanto è Smart la tua città? E tu, quanto sei Smart?”. E’ questo il sondaggio lanciato dall’associazione “Agisci” che domenica 23 marzo 2014 alle ore 11:00 sarà a piazza Santa Caterina a Napoli per sottoporre i cittadini ad un questionario nell’ambito di un’ indagine sulle “Smart City”.
Partendo dal presupposto che per avere una “smart city”, città intelligente, sia necessario avere “smart citizens”, cittadini intelligenti, agli intervistati verrà somministrato il questionario opportunamente preparato dai membri dell’associazione su tematiche inerenti le “smart cities”. “Lo scopo di questa iniziativa non è solo quello di raccogliere dati, analizzarli ed elaborarli” – dichiara Francesca Reccia, referente del progetto di AGISCI – “ma nell’ottica di un approccio “people centered”, di centralità della persona, l’associazione vuole sollecitare il dibattito sulla Smart City partendo dal basso e migliorare la qualità della vita nella nostra città coinvolgendo i cittadini su un tema di grande attualità”. “Pensiamo che attraverso il lavoro quotidiano la nostra associazione possa contribuire al miglioramento del rapporto tra cittadini, associazioni, imprese e amministrazione pubblica locale” – dichiara Apostolos Paipais, presidente di Agisci – annunciando dopo l’appuntamento di domenica, altre iniziative con lo scopo di coinvolgere tutti gli attori interessati sulla tematica della smart city

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti