venerdì 3 Febbraio 2023
HomeAttualitàIl testimone di giustizia: "Di Sarno promette scuole nuove, poi continuano a...

Il testimone di giustizia: “Di Sarno promette scuole nuove, poi continuano a pagare strutture fatiscenti e non a norma”

Somma Vesuviana. Pubblichiamo di seguito la lettera giunta in redazione dal testimone di giustizia Gennaro Ciliberto.

Gentilissima Direttrice Bellini,
le scrivo poiché la sicurezza dei cittadini ed in questo caso degli alunni è al primo posto, da anni la politica locale e l’amministrazione Di Sarno promettono scuole nuove, ma poi continuano a pagare strutture fatiscenti e non a norma, soldi pagati a privati che non solo non ottemperano al risarcimento dei luoghi ma qualche volta hanno anche dei concordati con l’ente. Oggi più di ieri la sicurezza scolastica è una priorità e nonostante le varie istanze indirizzate al Sindaco DI Sarno e agli uffici preposti interessando anche l’ufficio USR Campania ed il Ministero dell’istruzione oggi Ministero dell’istruzione e del Merito,abbiamo dovuto assistere all’intervento dei Carabinieri Forestali stazione Parco Ottaviano ai quali va il mio grazie per il loro lavoro svolto sul territorio, oggi chiedo pubblicamente al primo cittadino di chiedere scusa ai genitori ma in primis agli alunni che a Somma Vesuviana vengono messi in situazioni di non idonieta’ e sicurezza,visto che nonostante le relazioni tecniche con parere negativo all’uso dell’immobile gli stessi alunni, docenti e personale ATA hanno continuato ad essere all’interno dello stabile di via Bosco, la colpa è nelle inefficienze politiche, posso affermare che da anni a Somma Vesuviana ci sono alunni di serie A e di serie B, ai genitori chiedo di far valere ogni proprio diritto delle sedi opportune e tutelare la salute dei propri figli non cedendo a false promesse o rassicurazioni che non trovano alcun riscontro ad oggi.

 

“Carenze non sanabili”, dopo il controllo dei carabinieri il Comune di Somma chiude la scuola

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti